Azienda

MV è pronta: qual è la tua richiesta?

Contatta i nostri uffici per avere un parere tecnico o un preventivo di massima.

ValterModa_680x454_web
Valter Moda

Direttore tecnico

TizianaModa_680x454_web
Tiziana Candelo

Direttore amministrativo

ValericoModa_680x454_web
Valerico Moda

Tecnico

FranciscoModa_680x454_web
Francisco Moda

Tecnico

MV è leader dal 1949

Quattro generazioni di appassionati al proprio mestiere, un solo obiettivo sempre ben presente: dare il massimo, perché solo un cliente contento fa crescere bene un’azienda.

Ecco cosa facciamo:

  • progettazioni impianti termoidraulici
  • installazione caldaie
  • manutenzioni ordinarie e straordinarie
  • caldaie eco compatibili
  • caldaie per case in bio edilizia

credere in se stessi

Chi avrebbe mai pensato che nel lontano 1943, mio nonno, prigioniero di guerra, ammassato fra migliaia di persone, in attesa di essere smistato e destinato al “campo di lavoro” desse inizio alla mia azienda?

La sua arte innata nella lattoneria lo mise in evidenza al “personale tedesco” e la sua ciotola, creata da un fondo di latta di pomodori in scatola, modellandola con due pietre e attrezzi di fortuna, gli salvò la vita.

Fu deportato a Berlino a lavorare in una fabbrica di radiatori per il raffreddamento dei motori per i carri armati, che venivano realizzati a mano, e divenne capo reparto e, durante la disfatta di Berlino, i suoi colleghi lo aiutarono a fuggire e a salvarsi.

Poco più tardi, nel 1949 nacque la MV che è stata tramandata di generazione in generazione, fino ad arrivare ai miei figli Valerico e Francisco.

Valter Moda

 

domande frequenti

L’installazione di una caldaia ibrida è il massimo della tecnologia contemplabile in questo momento. L’intervento comporta un costo un po’ più importante rispetto a quello per l’acquisto di una caldaia tradizionale: non si tratta di caldaia a condensazione di ultima generazione, ma di una pompa di calore ad altissima efficienza energetica (da 6-8-10-12 fino a 20 KW) da scegliere in base all’ampiezza del volume da riscaldare. La valutazione non passa solo attraverso l’analisi del volume, ma soprattutto attraverso un approccio molto tecnico che tenga in considerazione la dispersione del locale da riscaldare. Se prendiamo in considerazione una casa degli inizi del ‘900, ad esempio, bisogna verificare in che modo è stata costruita, controllare se c’è un’intercapedine nella quale si possa insufflare, comprendere se è necessario realizzare un cappotto esterno oppure un cappotto interno, nel caso in cui all’esterno ci fossero capitelli o elementi architettonici di importanza storica che non possano essere penalizzati dalla presenza un cappotto esterno. La valurazione di tutti questi elementi fa sì che il cliente possa decidere di prendere in considerazione l’installazione di una caldaia ibrida, avendo chiaro da subito il tipo di investimento necessario sul suo immobile. A nostro avviso la scelta di installare una caldaia ibrida è molto oculata, anche perché in questo momento, con la detrazione fiscale al 50%, al 65% e il conto termico, si ha la possibilità di avere un risparmio che in pochi anni permette di rientrare completamente dell’investimento economico sostenuto. La scelta di una caldaia ibrida va fatta quando si hanno le idee molto chiare, cioè dopo un’attenta relazione tecnica.

Da oltre 30 anni installiamo e consigliamo il riscaldamento a pavimento. Abbiamo realizzato il primo impianto nel 1985, stravolgendo il modo di pensare e di agire nel nostro ambito: gli impianti italiani di riscaldamento a pavimento lavoravano ad una temperatura di mandata superiore ai 50 gradi, perché non esistevano a bassa temperatura; noi invece abbiamo adottato già allora il metodo originale tedesco e olandese grazie al quale l’impianto lavora a bassa e bassissima temperatura.

Grazie a questa scelta operativa abbiamo evitato ai nostri clienti tutti i possibili problemi di salute che possono derivare dalle alte temperature (gonfiore delle caviglie e delle gambe, malessere generale) e alle loro abitazioni (dilatazioni termiche dei massetti, crepe sui pavimenti, ed altri inconvenienti).
Vogliamo sottolineare che il riscaldamento a pavimento a bassa temperatura (ma a vera bassa temperatura!)  è il massimo dell’espressione tecnica in questo momento: oggi viene realizzato anche a parete e a soffitto permettendo di vivere in un involucro completamente riscaldato nei mesi più freddi. Lo stesso impiano dà la possibilità di climatizzare d’estate: come il caldo, anche il freddo, viene distribuito uniformemente su tutta la superficie, e chi abita la casa sta bene in qualsiasi punto dell’ambiente.

Il termosifone tradizionale fa in modo che ci si senta bene se ci si trova vicini ad esso; se si è di spalle al termosifone si percepisce una sensazione di freddo molto più elevata, perché il corpo umano riesce a sentire fino a 0,5 gradi di differenza, una percezione eccezionale e sensibilissima, che fa sentire il freddo soprattutto ai piedi.

Con il pavimento riscaldato questo inconveniente non si presenta: per riscaldato noi intendiamo al massimo a 25/26 gradi. Realizzaimo così i nostri impianti anche se la legge permette di arrivare fino ai 30 gradi. Mettiamo a punto i nostri impianti affinché non superino determinate temperature perché abbiamo a cuore la salute dei nostri clienti, ed avere case eccessivamente riscaldate crea problemi di circolazione.

Consigliamo e usiamo a casa nostra il riscaldamento a pavimento: al di là delle ragioni legate alla salute, ci consente di avere un risparmio energetico importante. Le caldaie a condensazione lavorano bene con il riscaldamento a pavimento, ed è un abbinamento eccezionale; le caldaie con pompa di calore vi lavorano ancora meglio perché la pompa di calore è molto efficace anche a bassa temperatura e in più si ha la possibilità di climatizzare d’estate. Questo significa evitare di avere split installati ovunque, che fanno circolare l’aria, ma purtroppo danno un comfort decisamente inferiore.

Il massimo dell’impiantiantistica moderna è abbinare una ventilazione meccanica con controllo dell’umidità, per creare deumidificazione dove è presente un impianto a pavimento con condizionamento estivo.

 

Parliamo di caldaie con potenzialità inferiore a 35 KW: il nostro compenso di 95 euro/anno comprende la pulizia, l’analisi dei fumi e la manutenzione della caldaia, per un lavoro accurato e a regola d’arte.

Quanto dura il nostro lavoro di pulizia e manutenzione? Due ore abbondanti di lavoro del tecnico.

Cosa intendiamo per pulizia? Smontare completamente la caldaia, smontare il bruciatore, controllare la valvola del gas, controllare la pulizia e il funzionamento di tutti gli organi di sicurezza, rimontare il tutto con la massima precisione, e a volte (soprattutto per le caldaie a condensazione) lavare anche lo scambiatore interno per pulirlo da eventuali residui della combustione dovuta alle condense acide.

Cos’è l’analisi dei fumi? È quell’intervento che ci dà la possibilità, grazie alla formazione dei nostri tecnici, di andare a regolare la caldaia sempre al massimo del rendimento. Parlando sempre di condensazione, abbiamo una caldaia che, anche dopo 10 anni, presenta sempre il massimo dell’efficienza perché possiamo andare a tarare l’apporto di aria e di gas alla combustione del bruciatore. Investire nella manutenzione annuale è anche questo.

La caldaia pulita rende di più, e per noi che siamo decisamente sensibili all’ecologia significa anche inquinare molto molto di meno. Una caldaia che rende di più e quindi inquina di meno, dopo un mese/mese e mezzo di funzionamento ammortizza la spesa della manutenzione annuale.

Cosa includiamo ancora nella manutenzione annuale? L’aggiornamento al catasto impianti termici (il CIT, che è il catasto regionale) di tutti i dati di della vostra caldaia: in questo modo il nostro cliente è in regola, sia legalmente che civilmente, per tutte le competenze burocratiche che derivano dalla pulizia e dalla messa a punto del suo impianto.

Le nostre caldaie? Hanno da 3-5-7-10 anni di garanzia. La casa madre, al di fuori delle normative nazionali, che poi sono state modificate a livello regionale, e molte volte anche a livello provinciale, obbliga chi installa una nostra caldaia con 5-7-10 anni di garanzia a fare, per il periodo di garanzia, tutti gli anni la pulizia e la revisione. Questo perché, garantendo al 100% tutti gli organi della caldaia per 5-7-10 anni, la casa madre ha bisogno che sia pulita e con manutenzione correttamente eseguita tutti gli anni per garantire la funzionalità e il massimo del rendimento.

La manutenzione annuale obbligatoria per le caldaie a condensazione permette di avere il massimo del rendimento e di sfruttare la loro capacità,  oltre a poter usufruire delle garanzie che non tutti in questo momento possono offrire.

Seguiamo i nostri impianti dalla progettazione, all’installazione e alla manutenzione.

Siamo centro assistenza autorizzato di tutti i marchi che installiamo: questo vale per marchi di caldaie, per quelli di ventilazione meccanica controllata come Zehnder, per quelli dei climatizzatori; il nostro intervento viene eseguito come CAT autorizzato nel periodo di garanzia in cui interviene la casa madre. Il nostro cliente deve comporre un unico numero di telefono: noi per l’installazione, noi per la manutenzione.

Non ci appoggiamo a centri assistenza autorizzati delle stesse marche che installiamo: la nostra azienda dà servizio assistenza a 360 gradi. Un servizio serio, affidabile, ed essendo per i nostri clienti è anche immediato: non lasciamo il cliente al freddo ma interveniamo entro poche ore dalla chiamata.

Quando siamo invece centro assistenza autorizzato interveniamo anche su  impianti che non abbiamo installato noi, con tempistica rapida come facciamo per i nostri clienti, per trasparenza nei confronti del cliente e della casa madre; decade il periodo di garanzia quando la manutenzione non viene fatta correttamente o annualmente come indicato nel libretto di istruzioni della caldaia, o se l’installazione non è eseguita correttamente.

Non siamo noi a prendere la decisione: facciamo il rapporto tecnico, documentato, con tanto di fotografie o filmati, inviamo alla casa madre il tutto o il pezzo manomesso da un CAT non autorizzato, che deciderà a sua volta se far pagare l’intervento, o se interverrà direttamente tramite la nostra opera. Il servizio è decisamente completo.

Telefono:

(+39) 011.9872253
(+39) 011.9876349

Indirizzo:

Viale Europa, 65
14022 Castelnuovo Don Bosco (AT)

E-mail:

infomvsrl@gmail.com